Sandro Comini

 

Benvenuti...

SLIDE s.n.c. di Sandro Comini & C. p.iva IT 01845311206

copyright © all right reserved

 


Ciao, mi chiamo Sandro Comini ; sono un musicista che vive di musica, sogni e swing.

Vivere di musica al giorno d’oggi non è sempre facile, ci vuole una grande dose di pazienza, di umiltà e di passione perché non sai mai il domani cosa ti può portare.

Una  cosa certa è che essere un musicista è il mestiere più bello del mondo.

Badate bene, ho detto il MESTIERE e non l’hobby anche se esistono musicisti che per hobby sono preparatissimi e suonano molto bene mentre esistono musicisti che per mestiere suonano molto male o, peggio ancora, fanno finta.


Faccio queste distinzioni perché semplicemente ho sempre vissuto di musica e ho cercato  sempre di praticare la mia attività con serietà, amore e dedizione.

Mi auguro che la vita mi possa dare sempre la possibilità di vivere di musica.

La  musica è una cosa seria e va amata seriamente.


Oggi, come sappiamo, è imperativo “apparire” ma molti artisti e musicisti che conosciamo  si sono guadagnati il successo con la “gavetta” lo studio,

i sacrifici, notte dopo notte, respirando e inalando polvere di palcoscenico impregnando ogni cellula del proprio corpo e, nonostante questo, molti bravi musicisti non riusciranno mai a raggiungere quel consenso popolare ed artistico che, magari, stanno inseguendo da molto tempo.

Probabilmente quel tipo si successo non lo raggiungeranno mai.


Forse, come individui, dovremmo cominciare ascoltare la musica che ci accompagna in ogni momento della giornata: in auto, in ascensore, al bar senza limitarci a “sentirla” ma se ognuno di noi “ascoltasse”la musica che lo circonda  per almeno cinque minuti al giorno, probabilmente saremmo un pochino più selettivi e forse più ricchi di giudizio.


Ecco che, allora, la musica non sarebbe una cosa effimera che “....tanto c’è “ e il pubblico, la gente, comincerebbe a capire quanto studio, quanta dedizione e quanto sacrificio  si debba affrontare per  imparare a suonare uno strumento musicale. Il pubblico riuscirebbe finalmente a capire che la musica può diventare un mestiere,e  non deve essere scaricata da internet né tantomeno copiata a pioggia, perché si creerebbe un grande danno socioculturale.

La musica, come ci insegnano i grandi filosofi greci, è necessaria allo sviluppo culturale di ogni individuo e, non solo, è un’anti depressivo e un mezzo di congregazione. Per cui, conoscendo tutte queste caratteristiche  peculiari che la musica ha, forse anche le nuove generazioni di autori, di compositori, di arrangiatori, di musicisti, di copisti di fonici, di direttori d’orchestra,di programmatori, di coristi, di cantanti, di interpreti e di esecutori potrebbero affidarsi ad un futuro migliore.


Portate i vostri bambini ad una scuola di musica, vedrete che miglioramenti congregativi e che positività darà ai vostri figli.

Il suonare uno strumento musicale e stare in compagnia di altri bambini  darà ai vostri ragazzi una più positiva consapevolezza del mondo che li circonda.

Quindi chiedete se nel vostro paese c’è una banda, un circolo musicale, un insegnante di chitarra e qualsiasi cifra pagherete per queste lezioni, vi tornerà con gli interessi sotto forma di orgoglio personale e pura soddisfazione.


Viva la Musica.



Sandro Comini